Una Fata in cucina

Mele caramellate

By on 31 ottobre 2017

Le mele caramellate: una leccornia sana e gustosa tipica delle feste autunnali!!! Ci sono mille varianti di questa delizia, che fa davvero apprezzare l’idea di dover mangiare una mela al giorno, e può essere arricchita con le aggiunte più disparate!

Mele caramellate

Ingredienti:

  • 6 mele rosse, lavate e refrigerate
  • 6 stecchini da ghiacciolo
  • 400 gr. di caramello
  • 2 cucchiai di acqua
  • 100 gr. di arachidi tritate
  • 6 pirottini grandi (abbastanza da contenere le mele intere)a

 

Rimuovete il picciolo da ciascuna mela, che dovrà essere ben fredda di frigo, e inserite al suo posto uno stecchino da ghiacciolo fino alla profondità di circa mezza mela, quindi rimettete i frutti in frigorifero.

Scaldate il caramello in un pentolino con un pochino di acqua, portandolo quasi a bollore. Intanto tritate le arachidi e mettetele in una ciotola.

Immergete le mele nel caramello e rigiratele tenendole per lo stecchino per rimuoverne l’eccesso, quindi rotolatele nelle arachidi e, per finire, appoggiatele su carta da forno e fatele raffreddare in frigorifero in modo che il caramello si solidifichi.

Una volta fredde, sistematele una ad una su un pirottino e saranno pronte per essere servite!

Continue Reading

Una Fata in cucina

Cappelli di Strega

By on 30 ottobre 2017

Cappelli di Strega

Questo è uno dei periodi dell’anno che preferisco… adoro preparare la festa di Halloween e i dolcetti a tema mi divertono ed ispirano sempre un sacco!!! Questi cappelli, così scenografici, in realtà sono semplicissimi da preparare, si possono realizzare anche all’ultimo: la cosa più complicata è reperire gli ingredienti adatti!!!

Cappelli di Strega

Ingredienti:

  • 1 pacco di biscotti a scelta, rotondi e ricoperti di cioccolato
  • Cioccolatini a forma di goccia in numero pari ai biscotti
  • 30 gr. di zucchero a velo
  • 1 cucchiaino di albume d’uovo
  • Qualche goccia di limone
  • Qualche goccia di colorante alimentare in colore a scelta

 

Preparate la glassa mescolando lo zucchero a velo con l’albume, il limone e il colorante alimentare, quindi inseritela in una piccola sac-à-poche.

Attaccate un cioccolatino al centro di una delle superfici piatte di un biscotto, uno per ciascuno, incollandolo con una goccia di glassa (in alternativa, potete usare una goccia di cioccolato fuso).

Per terminare, decorate con la glassa la base del cioccolatino nel punto in cui si congiunge al biscotto, per coprire la congiunzione… et voilà… il gioco è fatto!!!

Continue Reading

Una Fata in cucina

Trick or Treat: Bamboline Voodoo di pan di zenzero

By on 25 ottobre 2017

Collage ricette di Halloween

Questa ricetta dedicata ad Halloween nasce da una collaborazione con altre due blogger, Cooking Beauty e Green WoMam. Vi invito ad andare a vedere anche le Caramelle Gelèe di Cooking Beauty e i Biscotti alla Zucca di Green WoMam!

Questi omini di pan di zenzero a tema Halloween li volevo realizzare da tempo, perché mi è sempre piaciuta l’idea di mescolare un po’ le carte travestendo per l’occasione un dolce tipicamente natalizio, e questa mi è sembrata un’ottima occasione.

Scheletrini, Bamboline Voodoo e Mummiette di pan di zenzero

Biscotti di Halloween

Ingredienti per circa 20 biscotti:

  • 400 gr. di farina
  • 2 cucchiaini di zenzero in polvere
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1/4 di cucchiaino di noce moscata in polvere
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 pizzico di sale
  • 150 gr. di zucchero
  • 130 gr. di burro
  • Cuoricini di zucchero

 

Innanzitutto, ho mescolato tutti gli ingredienti secchi, quindi li ho impastati velocemente con il burro a pezzetti a temperatura ambiente, ho formato una palla e l’ho messa a riposare in frigorifero per almeno 20 minuti. In realtà, a quel punto ho cenato con la mia famiglia, quindi ho idea che il tempo di riposo alla fine sia stato di almeno mezz’ora.

Trascorso il tempo necessario in frigorifero, ho iniziato a preriscaldare il forno a 180° (nel mio caso si tratta di un classico forno a gas, quindi lascio a voi fare eventuali conversioni per temperatura e tempi in caso abbiate invece un forno a gas statico o ventilato) e intanto ho proceduto a stendere la pasta ad uno spessore di circa 50-70 mm. Data l’elevata “burrosità”, l’impasto risulta piuttosto appiccicoso, quindi vi consiglio di infarinare generosamente sia il supporto su cui lo stendete sia il mattarello.

Con un’apposita formina, ho tagliato i biscotti e li ho disposti su una placca da forno ricoperta di carta; dopodiché ho sistemato un cuoricino di zucchero su ciascun omino, all’altezza del cuore.

Biscotti crudi

Ho infornato per 15 minuti nel forno già caldo, dopodiché -mentre spandevano per tutta la casa un delizioso profumino- ho tolto i miei omini dal forno e li ho lasciato raffreddare completamente.

Biscotti cotti

Mentre i biscotti si raffreddano, ho preparato la glassa con:

  • 30 gr. di zucchero a velo
  • 1 cucchiaino di albume d’uovo
  • Qualche goccia di limone

 

Per la decorazione potete aiutarvi con una sac-à-poche o utilizzare uno stuzzicadenti come se fosse un pennino… io ho optato per la seconda soluzione. Ho disegnato con la glassa le ossa e il teschio degli scheletrini, le bende delle mummiette e i tratti distintivi delle bamboline voodoo (che volendo si possono ulteriormente personalizzare con degli spilli.

Potete sbizzarrirvi con le forme (ed eventualmente anche i colori) prendendo spunto dalle mie creazioni o seguendo la vostra fantasia: otterrete dei biscotti che sicuramente piaceranno a bambini, ma anche a tutti gli adulti e adolescenti amanti delle tematiche di Halloween!!!

Biscotti pronti

Continue Reading

CreaDIYvity

Il mio primissimo murale

By on 7 settembre 2017

Ecco, questa è la mia prima opera pittorica murale… anche se qualcuno vedendola in fotografia mi ha prontamente chiesto se c’erano bambini in casa 😉

Ed è anche il mio primo vero tutorial, corredato anche di immagini passo passo!

Il tutto è partito da uno di quei decori da incollare al muro. Era così carino che l’ho comperato, ma visto il prezzo irrisorio (1,50 € sul mercato) avevo la sensazione che la colla non avrebbe resistito a lungo sul muro. Così, una volta stabilito dove lo avrei posizionato, ho pensato invece di dipingerlo direttamente sul muro.

Il primissimo passaggio è stato fotocopiare le varie parti che componevano il disegno, ossia i due cagnolini e i vari pezzi che componevano ramo e fiorellini. Ho quindi ritagliato i vari pezzi, “composto” il ramo e attaccato il tutto sul muro con del nastro adesivo (il nastro adesivo l’ho avvolto su se stesso facendo una specie di occhiello e l’ho posizionato sul retro delle immagini, in modo che non creasse interferenze lungo i bordi):

primo passaggio

Quindi, con una matita ho tracciato inizialmente il bordo del ramo e dei fiori e ho rimosso la carta:

sagoma del ramo

Ho successivamente riempito man mano la silhouette con l’acrilico nero (per il ramo):

riempimento del ramo

e ho poi realizzato i fiori, bianchi e rossi:

aggiunta dei fiori

Terminato lo sfondo, ho iniziato a occuparmi dei cagnolini con la stessa modalità: ho inizialmente ricalcato a matita il bordo esterno e poi, ritagliando man mano le sagome in base all’occorrenza, ho aggiunto i particolari, come i ciuffi dentro le orecchie, lo stacco della coda, la posizione del naso e degli occhi, ecc.

Per lo riempimento sono partita dall’acrilico bianco:

completamento dei fiori e silhouette del primo cagnolino

Per poi proseguire con i contorni neri:

ramo terminato e outline dei due cani

Fino a raggiungere un più che soddisfacente risultato finale:

opera terminata

Quando avrò un attimo di tempo, dal momento che è nell’ingresso proprio di fronte alla porta di entrata, magari aggiungerò anche una scritta sopra al ramo, tipo “Casa dolce casa” o “Benvenuti”…

Continue Reading

Una Fata in cucina

Insalata di pasta gustosa

By on 17 luglio 2017

Anche se nei giorni scorsi le temperature qui a Torino sono state decisamente più miti e piacevoli delle settimane precedenti, mangiare cibi freschi continua a essere la scelta preferibile e preferita da molti, me compresa.

Ecco quindi la ricetta che amo di più per l’insalata di pasta, la più semplice ma gustosa tra le tante che ho inventato (e che continuo a inventare, perché diciamocelo: spesso l’insalata di pasta -come quella di riso- più che un’attenta pianificazione dipende da ciò che abbiamo in frigo o in dispensa!), che con solo cinque ingredienti è sempre un successo.

Insalata di pasta gustosa

Insalata di pasta gustosa

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 gr. di pasta corta
  • 1 grosso pomodoro cuore di bue ben maturo
  • 1 mozzarella
  • 1 scatoletta di tonno da 120 gr.
  • 100 gr. di olive nere denocciolate
  • Maionese a piacere

 

Mentre si cuoce la pasta, che dovrà essere scolata al dente, c’è tutto il tempo per preparare il condimento.

Come prima cosa, ho lavato e tagliato a dadini il pomodoro, senza preoccuparmi di rimuovere i semi. C’è chi preferisce che la buccia venga eliminata… in questo caso la varietà “cuore di bue” è perfetta, perché quando è ben maturo si riesce a pelare con estrema facilità senza neanche bisogno di immergerlo prima qualche istante in acqua bollente.

Nell’insalatiera ho spezzettato con una forchetta il tonno ben sgocciolato, quindi ho aggiunto il pomodoro, le olive (anch’esse sgocciolate e tagliate a rondelle o, quantomeno, a metà nel senso della larghezza) e la mozzarella tagliata a dadini.

A cottura ultimata, ho scolato la pasta e l’ho passata sotto il getto dell’acqua fredda per raffreddarla, l’ho aggiunta nell’insalatiera e ho condito il tutto con una cucchiaiata di maionese (ma al posto di quest’ultima, se preferite potete optare per del semplice olio).

Si può servire subito -e probabilmente risulterà tiepida- o preparare in anticipo e servire fredda. In ogni caso è molto gustosa anche appena preparata!

Continue Reading

Una Fata in cucina

Torta salata zucchine e curcuma

By on 11 giugno 2017

Alcuni giorni fa è stato il 40° compleanno della mia collega Carolina, una splendida donna argentina qui a Torino ormai da molti anni, e in mancanza della sua famiglia ha deciso di festeggiare la ricorrenza con amici e colleghi (categorie che per lo più coincidono) in una splendido pic-nic multiculturale e plurilingue al Parco della Pellerina.

Credo fosse da quando ero bambina che non partecipavo più ad un vero pic-nic, con tovaglie e teli a terra e tanto cibo preparato da ciascuno da condividere in modo così allegro e informale!!! E, grazie anche alla bellissima giornata estiva e al posto scelto, sotto la provvidenziale ombra di grandi alberi ad alto fusto, è stata davvero una splendida esperienza per tutti, single, in coppia, con bimbi più o meno piccoli e con cani di taglie varie.

Sapevo che sabato mattina avrei avuto poco tempo per cucinare, volevo utilizzare prodotti di stagione e fare qualcosa di un pochino diverso dal solito, ma che fosse pratico da portare al parco e facile da mangiare con piatti e posate di plastica o addirittura con le mani, e soprattutto che non contenesse formaggio, visto che Carolina lo detesta in qualsiasi modo… così alla fine ho optato per una torta salata!!!

Torta salata zucchine e curcuma

Torta di zucchine e curcuma

Ingredienti:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 1 kg. di zucchine
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di panna da cucina
  • 150 gr. di burro
  • 2 cucchiai di curcuma
  • sale e pepe

 

Come prima cosa, ho fatto sciogliere il burro in una padella ampia e vi ho aggiunto la curcuma e una spolverata di pepe. La curcuma ha moltissime proprietà curative, è innanzitutto un grande antinfiammatorio e serve a regolare i livelli di colesterolo e anche quelli dell’insulina. Quello che purtroppo in tanti non sanno è che, per attivare queste fantastiche caratteristiche della curcumina, è innanzitutto necessario combinarla con dei grassi animali (non è un caso che gli Indiani la usino moltissimo, sempre in combinazione con il ghee, il loro burro chiarificato) e con un pizzico di piperina, il principio attivo del pepe.

Quindi ho lavato e affettato tutte le zucchine, le ho rosolate nel burro speziato, ho regolato con un pizzico di sale e le ho lasciate cuocere a fiamma media coprendole con un coperchio, in modo che il loro stesso liquido ne favorisse la cottura senza rischiare che bruciassero.

Nel frattempo, ho acceso il forno a 210° -il mio è un tradizionale forno a gas statico, per forni ventilati ed elettrici probabilmente dovrete aggiustare temperatura e tempi di cottura- e ho steso il rotolo di pasta sfoglia su una telia. Si trovano in qualsiasi banco frigo, in ogni possibile formato, spessore e ruvidezza… perché impazzire a preparare in casa anche la sfoglia? In questo caso, ho scelto un rotolo di pasta rettangolare e ho usato una telia di quelle “da lasagna”.

Una volta che le zucchine sono risultate cotte, morbide ma non sfatte, ed è evaporata tutta l’acqua (ci sono voluti circa 15 minuti, gli ultimi 2-3 senza coperchio), le ho trasferite nella base di pasta sfoglia. In una ciotola ho lavorato molto velocemente le due uova con la panna e un pizzico di sale. Come ho già detto, non potevo usare formaggi e uova e panna sono un’ottima alternativa per “tenere insieme” la torta. Ho versato rapidamente la crema ottenuta sopra alle zucchine, facendo attenzione che si distribuisse in modo uniforme.

Per concludere, ho ripiegato i bordi eccedenti della pasta su loro stessi verso l’interno e ho infornato per 40 minuti.

Una volta cotta, ho sfornato, tolto la torta dalla telia, l’ho tagliata a quadretti su un tagliere e l’ho reinserita nella telia con tutta la sua base di carta forno, in modo da poterla trasportare agevolmente coperta con un foglio di alluminio, ma già in porzioni facili da prendere anche in una situazione campestre.

Continue Reading